Non è necessario possedere un dispositivo Kindle. Scarica una delle app Kindle gratuite per iniziare a leggere i libri Kindle sul tuo smartphone, tablet e computer.

  • Apple
    Apple
  • Android
    Android

Per scaricare una app gratuita, inserisci il numero di cellulare.

kcpAppSendButton

Opzioni di acquisto

Prezzo Kindle: EUR 6,99

Risparmia EUR 5,01 (42%)

include IVA (dove applicabile)

Queste promozioni verranno applicate al seguente articolo:

Alcune promozioni sono cumulabili; altre non possono essere unite con ulteriori promozioni. Per maggiori dettagli, vai ai Termini & Condizioni delle specifiche promozioni.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

Acquista per altri

Regala questo eBook o acquista per un gruppo.Ulteriori informazioni

Acquista e invia eBook ad altri


Seleziona quantità
Seleziona una modalità di invio e completa l'acquisto
I destinatari possono leggere gli eBook su qualsiasi dispositivo

Questi eBook possono essere riscattati esclusivamente da destinatari residenti nel tuo Paese. I link di riscatto e gli eBook non possono essere rivenduti o trasferiti.

Quantità: 
Questo articolo ha un limite di quantità massima per ordine.

Invia a Kindle o a un altro dispositivo

<Incorpora>
Annuncio applicazione Kindle
Il nuovo venuto: Un'indagine del commissario Bordelli di [Marco Vichi]
Estratto Audible
In riproduzione…
Caricamento…
In pausa

Segui l'autore

Si è verificato un errore. Riprova a effettuare la richiesta più tardi.


Il nuovo venuto: Un'indagine del commissario Bordelli Formato Kindle

4,2 su 5 stelle 127 voti

Visualizza tutti i formati e le edizioni Nascondi altri formati ed edizioni
Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
6,99 €

Lunghezza: 416 pagine Miglioramenti tipografici: Abilitato Scorri Pagina: Abilitato

Amazon Original Books
eBook thriller, romanzi gialli, romanzi rosa, narrativa storica e tanti altri generi in esclusiva a meno di 5 EUR Clicca qui

Descrizione prodotto

Recensione

L’usuraio del commissario

Pent Sergio, Tuttolibri - La Stampa

Non c'è che dire: l'italica provincia addormentata, setacciata nelle sue più riposte pieghe geografico-antropologiche, resta tuttora il fertile terreno d'ispirazione della nostra recente narrativa. Che il giallo si sia involontariamente sostituito al neorealismo è un altro incontestabile dato di fatto, e non sempre i confronti stabiliscono graduatorie di merito destinate ad escludere a priori i fabbricanti di delitti. Tra Vittorini e Sciascia i suddetti meriti vanno perlomeno suddivisi; la Sardegna di Deledda e Dessì trova il suo angolo buio nelle cronache fosche di Fois e Todde; la Torino di Pavese si è globalizzata sui casi risolti da Fruttero e Lucentini... Paragoni non necessariamente antitetici, sintomatici - comunque - di un processo ormai quasi naturale di identificazione dello scrittore con il territorio, riserva di memorie e caratteri che danno all'Italia il profilo di un'arma da taglio che non necessita di devoluzioni politiche per risolvere le questioni nel proprio habitat regionale. Così viene naturale contrapporre la Firenze di Pratolini con quella un po' più imbalsamata di Marco Vichi, ma se di un confronto si tratta, va ricercato unicamente nella letterarietà - e nelle motivazioni socio-politiche - degli intenti. Le mattinate fiorentine del Vasco più famoso d'Italia prima del rocchettaro che riempie gli stadi, erano quelle di un viaggio attraverso gli uomini e la Storia, sul filo di rasoio di una cronaca quotidiana che diventò l'epica del minimalismo più sofferto. Con Marco Vichi e il suo gagliardo commissario Bordelli - al suo terzo caso - siamo invece nei paraggi di un recupero ambientale strumentalizzato in favore di una serialità comunque sempre più oggettiva. Vichi sta gradualmente ricostruendo un'epoca - qui siamo agli sgoccioli del 1965 - attraverso l'umanità semplice di un mondo già proiettato verso gli estremismi della modernizzazione totale, acciuffato al volo negli ultimi palpiti familiari che ancora contraddistinguono l'individuo dal suo alter ego globalizzato. L'impresa è ammirevole, i risultati godibili e rilassanti, anche se - come già abbiamo altrove rilevato - la penetrazione ambientale ed epocale andrebbe maggiormente spolverata sul contesto, anziché condensata - come spesso accade - in un riassunto veloce di nomi, accadimenti e canzoni in apertura di capitolo. Per il resto dobbiamo dire che ci stiamo davvero affezionando a questo orso ormai cinquantacinquenne di Bordelli, che trascorre gli ultimi scampoli del '65 cercando l'assassino di un fetente usuraio trovato morto con un paio di forbici piantate nel groppone. C'è aria di neve e di regali, in una Firenze percorsa in solitudine da Bordelli, a caccia del colpevole ma anche di valide motivazioni per non spegnersi in un isolamento che lo vede, come sempre, alla ricerca di compagnie ancor più sghembe di lui: l'ex prostituta Rosa, il sezionatore di cadaveri Diotivede e altri già conosciuti esemplari di un'umanità che sta creando con garbo il piccolo mondo antico di Vichi. Non c'è vera suspense, semmai un senso diffuso di curiosità, laddove la memoria di guerra sempre presente nella mente di Bordelli va a incrociarsi con un altro caso, assai intrigante, che vede protagonista il suo giovane subalterno Piras, convalescente in Sardegna dopo un conflitto a fuoco. Da Firenze Bordelli segue il suo vivace discepolo nel caso di suicidio apparente di un pastore, che risulta invece l'ultima mossa di un gioco di morte iniziato nei giorni tragici di guerra civile del '44. Entrambi i casi verranno risolti, ma quello di Bordelli rappresenta lo scenario sconvolto di un dolore estremo, e a Natale tutti siamo più buoni, soprattutto il finto burbero Bordelli, che vede oltretutto morire in un letto d'ospedale il suo collega in pensione Barbagli. Tra dialoghi accesi di vivace - o dolente - quotidianità e un lento rincorrersi degli eventi delittuosi, vediamo crescere la sicurezza di Vichi e del suo personaggio, in un'epoca che diventa strumento narrativo, in un terreno che non è solo cronaca, ma che dalla cronaca trae gli spunti essenziali per un recupero seriale della memoria di un'Italia ormai archiviata.
--Questo testo si riferisce a un'edizione fuori stampa o non disponibile di questo titolo.

Dettagli prodotto

  • ASIN : B00BKXH03Q
  • Editore : Guanda (7 marzo 2013)
  • Lingua : Italiano
  • Dimensioni file : 911 KB
  • Da testo a voce : Abilitato
  • Screen Reader : Supportato
  • Miglioramenti tipografici : Abilitato
  • Word Wise : Non abilitato
  • Lunghezza stampa : 416 pagine
  • Recensioni dei clienti:
    4,2 su 5 stelle 127 voti

Recensioni clienti

4,2 su 5 stelle
4,2 su 5
127 valutazioni globali
Come vengono calcolate le valutazioni?

Recensioni migliori da Italia

Recensito in Italia il 21 maggio 2018
Acquisto verificato
Recensito in Italia il 21 agosto 2015
Acquisto verificato
Una persona l'ha trovato utile
Segnala un abuso
Recensito in Italia il 8 gennaio 2020
Acquisto verificato
Recensito in Italia il 19 febbraio 2018
Acquisto verificato
Una persona l'ha trovato utile
Segnala un abuso
Recensito in Italia il 20 maggio 2017
Acquisto verificato
2 persone l'hanno trovato utile
Segnala un abuso
Recensito in Italia il 25 agosto 2014
Acquisto verificato
Recensito in Italia il 14 dicembre 2019
Acquisto verificato
Recensito in Italia il 13 gennaio 2020
Acquisto verificato

Le recensioni migliori da altri paesi

màssimo francéscösson
4,0 su 5 stelle Rapidez
Recensito in Spagna il 18 ottobre 2019
Acquisto verificato
click to open popover