Selezione delle preferenze relative ai cookie

Utilizziamo cookie e altre tecnologie simili necessari per consentirti di effettuare acquisti, migliorare la tua esperienza di acquisto e fornire i nostri servizi, come descritto in dettaglio nella nostra Informativa sui Cookie. Utilizziamo questi cookie anche per capire come i clienti utilizzano i nostri servizi per poterli migliorare (ad esempio, analizzando le interazioni con il sito).

Se accetti, utilizzeremo i cookie anche per ottimizzare la tua esperienza di acquisto, come descritto nella nostra Informativa sui Cookie. Questo comprende l'utilizzo di cookie di terze parti per mostrare e analizzare la pubblicità definita in base agli interessi. Clicca su "Personalizza i cookie" per non accettare questi cookie, gestire le tue preferenze ulteriori o saperne di più.

Personalizza i cookie

Recensione cliente

I PRIMI 1000 RECENSORI
Recensito in Italia il 31 ottobre 2018
Mi ha emozionato.
Mi ha emozionato perché ho visto, finalmente, in un adulto immigrato digitale, lo sforzo intellettuale per capire il più possibile il cambiamento che è avvenuto sul globo in questi ultimi due decenni.
Quello che racconta Baricco -e lo fa molto bene, con quel pizzico di teatralità alla maniera delle "lectures" ascoltate a Mantova -, è tutto vero. Mi identifico in ciò che scrive.

Io, un paio di anni meno giovane di lui, le ho vissute fin dall'inizio pur non avendo una formazione strettamente informatica, con una vibrazione precedente agli avvenimenti che mi ha reso sicura che ci sarebbero stati cambiamenti epocali, con un'esplosione creativa mai vista in precedenza.
La stessa percezione non l'ho sentita in tanti colleghi insegnanti coetanei e non che ho provato a formare sulle nuove tecnologie funzionali all'apprendimento che, o per mancanza di esperienza diretta (snobbano il Game), o per mancanza di uno studio profondo come quello dell'autore, non possono capire il presente, le sue implicazioni emotive e cognitive, relegandosi a subire un sentimento diffuso di disagio.
Ho condiviso in rete questa citazione:
"La scuola, per dire, segna a gioco fermo ogni volta che apre le porte al mattino, ne siamo consapevoli, vero?",
perché credo proprio che nei più, ahimè, non ci sia la consapevolezza, piuttosto resistenza.

Ben venga allora questo testo che smorza il senso di ansia imperante ben rappresentato da un'informazione che approfitta di una maggioranza che ha bisogno di sentirsi rassicurata nella condivisione delle proprie paure.

Nel testo c'è qualche sbavatura, spesso rappresentata da ripetizioni un po' ossessive. Mi rendo conto, però, che siano più forme di auto convincimento, sorta di eureka, per aver capito e correlato i fatti e i pensieri.
Le mie cinque stelline sono il frutto di una valutazione data con un foglio di calcolo, che arrotonda automaticamente per eccesso il quattro e mezzo, così come è sua saggia abitudine fare. (Chi non conosce il Game si ferma al sei meno meno).
12 persone l'hanno trovato utile
Segnala un abuso Link permanente

Dettagli prodotto

4,3 su 5 stelle
4,3 su 5
746 valutazioni globali