Selezione delle preferenze relative ai cookie

Utilizziamo cookie e altre tecnologie simili necessari per consentirti di effettuare acquisti, per migliorare le tue esperienze di acquisto e per fornire i nostri servizi, come descritto in dettaglio nella nostra Informativa sui cookie. Utilizziamo questi cookie anche per capire come i clienti utilizzano i nostri servizi per poterli migliorare (ad esempio, analizzando le interazioni con il sito).

Se accetti, utilizzeremo i cookie anche per ottimizzare la tua esperienza di acquisto nei negozi Amazon come descritto nella nostra Informativa sui cookie. Questo comprende l'utilizzo di cookie di prima parte e di terze parti che memorizzano o accedono a informazioni standard del dispositivo, come l’identificatore univoco. I terzi utilizzano i cookie per le loro finalità di mostrare e analizzare la pubblicità personalizzata, generare informazioni sui destinatari e sviluppare e migliorare i prodotti. Clicca su "Personalizza i cookie" per non accettare questi cookie, gestire le tue preferenze ulteriori o saperne di più. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento visitando la pagina sulle Preferenze cookie, come descritto nell'Informativa sui cookie. Per maggiori informazioni sulle modalità e finalità per cui Amazon utilizza i dati personali (come, ad esempio, la cronologia degli ordini dei negozi Amazon), consulta la nostra Informativa sulla privacy.

Personalizza i cookie

Recensione cliente

Recensito in Italia 🇮🇹 il 10 luglio 2019
“La notte degli dei” di Ivan Benedetti
È la prima volta che leggo un romanzo storico e fin dalle prime pagine, avevo la paura di non esserne all’altezza.
I primi capitoli ti trasportano subito nel periodo Romano, nel 97 dC.
Ci sono tanti personaggi inizialmente, tutti con la propria storia e le proprie origini e sinceramente mi perdevo un po’. A questo proposito, mi sarebbe tanto piaciuto un indice in cui fossero spiegati meglio i nomi degli uomini e delle città nominate, per facilitare meglio la collocazione spazio/temporale.
Devo dire che poi, dopo alcuni capitoli, si riesce finalmente a capire ogni azione e ogni legame tra i vari personaggi.
I protagonisti principali sono tre giovani ragazzi che vogliono diventare pretoriani, soldati speciali dei Romani, al servizio del principe Traiano e di suo figlio adottivo Adriano.
I tre sono: Rullo, Musa e Albino, tutti con caratteri differenti, ma uniti dalla stessa passione e tenacia, legati da una consolidata amicizia. La voglia di svolgere questo compito li metterà a dura prova, ma riusciranno a distinguersi per le loro doti fisiche e mentali.
Se da una parte abbiamo Roma, dall’altra parte abbiamo la Dacia, che, nonostante sia divisa in micro stati, è governata da Decebalo.
Burbis, vuole ribellarsi a lui, cercando di saccheggiare e inginocchiare al suo comando, piccole città vicine alla sua.
I Romani, d’altro canto, vorrebbero espandere il proprio impero in Dacia, cercando di fermare questa ribellione, grazie all’aiuto dei tre valorosi combattenti.
Le descrizioni sono davvero belle, i dialoghi veritieri e coinvolgenti, a tal punto quasi di farti sentire un militare del tempo.
Si vede che l’autore si è documentato, usando anche parole tecniche sugli oggetti miliari e sostantivi propriamente bellici.
Scene di lotta e guerra, ma c’è anche spazio all’amore e ai sentimenti, grazie allo zampino degli dei.
Consigliato agli amanti della storia, ma anche a chi ha voglia di provare emozioni forti e sentirsi coraggiosi.
Un libro ben scritto!
6 persone l'hanno trovato utile
Segnala un abuso Link permanente