Selezione delle preferenze relative ai cookie

Utilizziamo cookie e altre tecnologie simili necessari per consentirti di effettuare acquisti, migliorare la tua esperienza di acquisto e fornire i nostri servizi, come descritto in dettaglio nella nostra Informativa sui Cookie. Utilizziamo questi cookie anche per capire come i clienti utilizzano i nostri servizi per poterli migliorare (ad esempio, analizzando le interazioni con il sito).

Se accetti, utilizzeremo i cookie anche per ottimizzare la tua esperienza di acquisto, come descritto nella nostra Informativa sui Cookie. Questo comprende l'utilizzo di cookie di terze parti per mostrare e analizzare la pubblicità definita in base agli interessi. Clicca su "Personalizza i cookie" per non accettare questi cookie, gestire le tue preferenze ulteriori o saperne di più.

Personalizza i cookie

Recensione cliente

Recensito in Italia il 15 febbraio 2021
Marsha Linehan racconta la storia della sua vita, spiegando in quali parti della sua persona e della sua vita affondano le radici della DBT, la terapia da lei elaborata per trattare i pazienti borderline e altamente suicidari.

L’autrice si sofferma sui rapporti difficili con la sua famiglia e sulle sfide che ha dovuto affrontare nel mondo del lavoro, come donna in un mondo accademico di uomini e come psicologa comportamentista in un mondo clinico di psicoanalisti.

Io personalmente non ho amato lo stile di scrittura colloquiale. Sono stata comunque contenta di averlo letto, e per questo lo consiglio, perché permette di osservare “dall’interno” la vita di una persona che ha ricevuto una diagnosi psichiatrica. Il racconto della Linehan dimostra che una diagnosi non è una etichetta, e che la vita, in un contesto accogliente, con un po’ di impegno e un po’ di fortuna, può avere dei risvolti inattesi anche di fronte alle diagnosi più invalidanti.
2 persone l'hanno trovato utile
Segnala un abuso Link permanente

Dettagli prodotto

4,6 su 5 stelle
4,6 su 5
67 valutazioni globali