Selezione delle preferenze relative ai cookie

Utilizziamo cookie e altre tecnologie simili necessari per consentirti di effettuare acquisti, per migliorare le tue esperienze di acquisto e per fornire i nostri servizi, come descritto in dettaglio nella nostra Informativa sui cookie. Utilizziamo questi cookie anche per capire come i clienti utilizzano i nostri servizi per poterli migliorare (ad esempio, analizzando le interazioni con il sito).

Se accetti, utilizzeremo i cookie anche per ottimizzare la tua esperienza di acquisto nei negozi Amazon come descritto nella nostra Informativa sui cookie. Questo comprende l'utilizzo di cookie di prima parte e di terze parti che memorizzano o accedono a informazioni standard del dispositivo, come l’identificatore univoco. I terzi utilizzano i cookie per le loro finalità di mostrare e analizzare la pubblicità personalizzata, generare informazioni sui destinatari e sviluppare e migliorare i prodotti. Clicca su "Personalizza i cookie" per non accettare questi cookie, gestire le tue preferenze ulteriori o saperne di più. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento visitando la pagina sulle Preferenze cookie, come descritto nell'Informativa sui cookie. Per maggiori informazioni sulle modalità e finalità per cui Amazon utilizza i dati personali (come, ad esempio, la cronologia degli ordini dei negozi Amazon), consulta la nostra Informativa sulla privacy.

Personalizza i cookie

Recensione cliente

Recensito in Italia il 27 agosto 2021
Cara Alice, non ti nascondo che leggendo il primo libro di questa nuova serie più che altro per l'ambientazione torinese, che mi ha ricordato tutta una serie di riferimenti fatti da mio padre, che quell'epoca l'ha vissuta in prima persona, non ero proprio entusiasta dei personaggi. Mancava la tensione dei libri con protagonista Vani, quella voglia di andare avanti per sapere cosa sarebbe successo dopo, quel quid in più che rende i libri precedenti "un-put-downable", per dirla con i miei (e tuoi) amici inglesi. Comunque ho deciso di leggere anche questo secondo libro e devo dire che sono contenta. I personaggi iniziano a delinearsi meglio e c'è questa tensione sotterranea fra Anita e Sebastiano che non si vede l'ora che possa affiorare, al di là della loro complicità e complementarietà nello scrivere le storie di J.D. Smith. La storia è bella, anche se triste, per la constatazione della pochezza del ruolo delle donne all'epoca. Il finale è davvero commovente. Brava Vani...ooops, Alice!
Una persona l'ha trovato utile
Segnala un abuso Link permanente