Selezione delle preferenze relative ai cookie

Utilizziamo cookie e altre tecnologie simili necessari per consentirti di effettuare acquisti, migliorare la tua esperienza di acquisto e fornire i nostri servizi, come descritto in dettaglio nella nostra Informativa sui Cookie. Utilizziamo questi cookie anche per capire come i clienti utilizzano i nostri servizi per poterli migliorare (ad esempio, analizzando le interazioni con il sito).

Se accetti, utilizzeremo i cookie anche per ottimizzare la tua esperienza di acquisto, come descritto nella nostra Informativa sui Cookie. Questo comprende l'utilizzo di cookie di terze parti per mostrare e analizzare la pubblicità definita in base agli interessi. Clicca su "Personalizza i cookie" per non accettare questi cookie, gestire le tue preferenze ulteriori o saperne di più.

Personalizza i cookie

Recensione cliente

Recensito in Italia il 16 settembre 2019
Sono stato incuriosito da questo libro per l’ammirazione deil suo coraggio nell’affrontare questo tema, che la nostra società tende sempre a rimuovere, pur essendomi totalmente sconosciuto il nome di Nadia Toffa, se non per l’attenzione data dalla stampa alla drammatica vicenda della sua malattia e morte.
La parte che mi ha deluso è stato lo stile autobiografico “da curriculum vitae”, ossia tutto luce e niente ombre, dove gli altri vengono giudicati esclusivamente nella prospettiva della protagonista: il padre, la madre, le sorelle; senza molta caratterizzazione, e che occupa sostanzialmente la prima parte, mentre trovo molto valida e drammatica la seconda, con la scoperta della propria debolezza e la assoluta sincerità nel rapporto con la malattia e la morte, che riscatta abbondantemente il libro. Evidentemente, per la sua morte prematura, non c’è stato il tempo di una rielaborazione e maturazione completa. Per questo, do quattro, anziché cinque, stelle.
Una persona l'ha trovato utile
Segnala un abuso Link permanente

Dettagli prodotto

4,8 su 5 stelle
4,8 su 5
1.522 valutazioni globali