Selezione delle preferenze relative ai cookie

Utilizziamo cookie e altre tecnologie simili per migliorare la tua esperienza di acquisto, per fornire i nostri servizi, per capire come i nostri clienti li utilizzano in modo da poterli migliorare e per visualizzare annunci pubblicitari, anche in baseai tuoi interessi. Anche terzi autorizzati utilizzano queste tecnologie in relazione alla nostra visualizzazione di annunci pubblicitari. Se non intendi accettare tutti i cookie o vorresti saperne di più su come utilizziamo i cookie, seleziona "Personalizza i cookie"

Personalizza i cookie

Recensione cliente

Recensito in Italia il 2 ottobre 2020
È giusto includere questo gioco nella sezione "Souls Like"? Sì, ma forse anche no...anzi, più no. Vediamo il perché. Chi ha qualche anno sulle spalle ricorderà che tanto tanto tempo fa i signori di TECMO pubblicarono un gioco che ebbe grandissimo successo, sia nelle sale giochi che nelle sue versioni casalinghe, il gioco in questione era Ninja Gaiden, gioco difficilissimo, in cui il morire e morire ancora era necessario per poter memorizzare pattern dei nemici, imparare il level design e dunque progredire. Stiamo parlando della fine degli anni 80 per intenderci. Nei primi anni 2000 sotto la direzione di Tomonobu Itagaki Ninja Gaiden tornò, lo fece in grande spolvero con due capitoli semplicemente sensazionali, dove difficoltà, violenza e level design con cura maniacale la facevano da padroni. Tutto questo succedeva quando Demon e Dark Souls neppure esistevano. Nioh e Nioh2 prendono a mani basse da Ninja Gaiden, chi li conosce e li ha giocati avrà sicuramente notato che molto del move set del personaggio è preso di forza dal move set originale di Ryu Hayabusa di Ninja Gaiden. I livelli che sbloccano sezioni, andando avanti, che ci faranno tornare in modo geniale in punti precedenti rendendoli però esattamente i punti in cui dobbiamo essere in quel momento, tornano anche loro e lo fanno con grande stile. Quindi cosa è cambiato? Di fatto è cambiato che il personaggio non salta, questo rende il gioco più vicino ai Souls; sostanzialmente, prendete Ninja Gaiden, rimuovere il salto, e più o meno avrete un Souls. Detto questo, come è questo capitolo? A mio avviso è tutto quello che deve essere con pochissime sbavature ed intoppi, migliorando nettamente l'esperienza del primo Nioh. Ne preferisco di gran lunga ambientazioni e anche storia, che se all'inizio sembra fragile e in secondo piano invece si rivelerà andando avanti, solida, intensa e ben strutturata. La sfida è altissima, quindi se cercate un'esperienza semplice e rilassante, assolutamente non fa per voi. Il gioco è impegnativo e per chi ha voglia di impegnarsi al massimo. Tanto impegno, tante soddisfazioni. La bellezza di alcuni stage con colori, dettagli ed effetti che vanno da quelli atmosferici come neve o nebbia, o riflessi di luce e sole, è semplicemente mozzafiato, i livelli più belli e spettacolari sono verso la fine del gioco, un motivo in più per tenere duro.
Un consiglio, l'editor iniziale consente di creare dei personaggi che sono dei piccoli capolavori, non sottovalutate questa cosa perché con quel personaggio dovrete trascorrere, tante tante tante ore. La mia Run, con missioni principali e gran parte delle secondarie è durata 200 ore di gameplay con personaggio a livello 150 circa; (chi ha recensito il gioco dicendo che dura 50 ore semplicemente non ci ha giocato e non ha idea di cosa stia dicendo). In bocca al lupo.
3 persone l'hanno trovato utile
Segnala un abuso Link permanente

Dettagli prodotto

4,6 su 5 stelle
4,6 su 5
277 valutazioni globali