Via libera

Via libera Audiolibro Audible – Edizione integrale

4,4 su 5 stelle 45 voti

Prezzo Amazon
Nuovo a partire da Usato da
Formato Kindle
Audiolibro Audible, Edizione integrale
0,00 €
Gratis i primi 30 giorni con Audible
Scopri Audible
Un universo con migliaia di audiolibri e podcast da ascoltare senza limiti. Iscriviti, gratis i primi 30 giorni. Scopri di più.
Audible Logo Goditi questo audiolibro gratuitamente e altro ancora
  • Accedi senza limiti a migliaia di titoli
  • Dopo i primi 30 giorni gratuiti, l'iscrizione si rinnoverà automaticamente a 9,99 € al mese. Puoi cancellare l'iscrizione in ogni momento
  • Scarica l’app e ascolta su tutti i tuoi dispositivi iOS e Android
Acquista un audiolibro o un podcast e sarà tuo per sempre. Se sei iscritto ad Audible puoi usufruire in esclusiva di uno sconto del 30%. Effettuando l'acquisto, accetti i Termini e le condizioni di Audible. Condizioni d'Uso
Offerto da Audible, una società Amazon

Dettagli prodotto

Durata 13 ore e 14 minuti
Autore Lorenzo Scano
Narratore William Angiuli
Data di pubblicazione su Audible.it 09 novembre 2022
Editore Mondadori Libri S.p.A.
Tipo di programma Audiobook Audible
Versione Edizione integrale
Lingua Italiano
ASIN B0BLJBV9SR
Posizione nella classifica Bestseller di Amazon n. 6,770 in Passaggio all'età adulta

Recensioni clienti

4,4 su 5 stelle
4,4 su 5
45 valutazioni globali

Recensioni migliori da Italia

Recensito in Italia 🇮🇹 il 10 luglio 2021
Immagine cliente
5,0 su 5 stelle Un noir crudo, ma venato di romanticismo
Recensito in Italia 🇮🇹 il 10 luglio 2021
Visto il gran bene con cui si parla del giovane Scano, attendevo questo noir con bramosia.
Prime due pagine...
"Ma anvedi sto giovanotto" pensando tra me e il libro, "macché davvero s'aspetta che io capisca tutti sti termini dialettali sardi?
Io so romano e pigro, mica posso perde tutto sto tempo."
E invece il tempo ce lo perdo, perché è stimolante farlo e perché capisco le reali intenzioni di Scano.
Lorenzo ama la sua città in modo talmente viscerale, da fargli ostentare un orgoglio territoriale, che non ammette facoltà di scelta o diritto di replica.
Lui non chiede comprensione al lettore, la pretende.
E quando uno ama in questo modo intenso, generalmente riesce nel proprio intento.
Dopo 20 pagine, a mia insaputa, conoscevo quasi tutti i quartieri di Cagliari.
A metà opera sorridevo del gergo dialettale, oramai padroneggiandolo discretamente.
A fine libro mi son sentito cittadino onorario di Casteddu...e mi è venuta voglia di visitarla davvero, prima o poi.
Entrare nel bar de "is amigusu" con la mia faccia da bonaccione e farmi voler bene,
possibilmente non infastidendo nessuno,
per ovvi motivi relativi l'incolumità personale.
Il linguaggio narrativo utilizzato è di una naturalezza affascinante. Una scrittura pensata, informale, slegata da convenzioni, che si veste del carattere dei personaggi. Lorenzo scrive come pensano loro ed il metodo è funzionale a far entrare il lettore in empatia.
La storia è potente, attuale, localizzata nel territorio, ma anche con tratti universali.
È principalmente la vicenda di tre ragazzi:
Davide, Chanel e Filippo.
I primi due figli di due ex criminali amici tra loro (Gigi "bonanima", perché morto di malattia in carcere e l'iconico Marione "su becchinu" Santorsola), mentre Filippo è un figlio di papà, facente parte de la crème di Cagliari. Un Pariolino viziato, per dirla con il gergo di queste parti.
Tutti e tre sono accomunati dalla ricerca di un qualcosa che manca loro: redenzione e riscatto.
Redenzione per i peccati commessi, propri o dei rispettivi padri. Riscatto rispetto alla vita che hanno condotto i genitori. La stessa vita che, se non sovvertiranno il proprio destino, saranno costretti a replicare, loro malgrado.
Persino Filippo, che in teoria con gli altri due non dovrebbe avere nulla a che spartire, una volta entrato in contatto con quei "burdi", viene inquinato positivamente da questa esigenza di cambiamento. Perché anche lui ha di ché farsi perdonare, agli occhi di un padre distratto (e forse colpevole, quanto se non di più, dei criminali di cui sopra), rappresentando a pieno titolo, lo squallore della gioventù benestante cagliaritana.
Chanel e i suoi pugni chiusi, figli di insoddisfazione e rabbia repressa, sogna di essere una scrittrice.
Davide e il suo peccato originale, con il fantasma di papà Gigi sempre presente, sogna di fare il pugile.
Filippo e il suo deretano nella Nutella e la sua indolenza da benestante senza sudore, sogna di essere un uomo diverso.
A questo aspirano i tre.
Ma sarà una ricerca ricca di insidie, trappole, pericoli, vicoli oscuri da evitare, apparentemente inevitabili.
Ad azione segue reazione, non c'è una via di fuga in determinati contesti.
Eludere il proprio corredo genetico, le proprie sovrastrutture, il mondo che si è assorbito da infanti, non è affar semplice.
Di questi tempi men che mai.
Sullo sfondo delle vicende portanti, c'è una denuncia plateale e giustificata del diffondersi della droga a livello trasversale, sia anagrafico, che sociale.
Non esiste piano sociale dove la coca non regni e non esiste età minima, sotto la quale non venga consumata.
L'aspetto più inquietante riguarda le giovani generazioni, divise anche in questo caso in mondi paralleli, ma confluenti.
Da una parte i grezzi, ma grezzi davvero
e dall'altra la crème de la crème.
Da un lato le baby gang, formate da pischelli senza arte né parte, dediti al crimine violento, senza che abbiano la minima coscienza di quel che stanno facendo e di cosa potrebbero causare con le proprie azioni.
Dall'altro lato i tanti ragazzini di oggi, dotati di presunta normalità, che si drogano, prostituiscono per spiccioli, si riducono ad essere schiavi della propria immagine social. Totalmente privi di ideali ed anche di una vaga idea, circa il loro futuro.
Una visione edonistica della vita, frutto di miti sbagliati, scarso interesse verso la cultura e un'assenza genitoriale quanto mai preoccupante.
Una denuncia forte, per la quale ringrazio l'autore.

Un noir color pece , dunque...questo "Via libera".
Nero, come la notte della periferia cagliaritana e senza lampioni.
Eppure non mancano momenti di pura poesia, almeno...io li ho visti.
Dove? Non certo nelle baby gang o nel mondo di Filippo, fatto di sesso a prezzo di saldo e noia sul non saper come sperperare i soldi di paparino.
La poesia l'ho scorta nella descrizione dei criminali della vecchia guardia, dei quali "su becchinu" Mario Santorsola, padre di Chanel, rappresenta la figura più simbolica .
Anch'egli un uomo, di nuovo tema ricorrente, ossessionato dal desiderio cambiamento: vuol trasformarsi da gigante cattivo a gigante (più o meno) buono.
Una figura mastodontica, che ha del mitico, quasi del mitologico e un'entità che sarà presente nei racconti per decine di anni, in memoria delle sue gesta brutali, al limite del verosimile.
Un uomo capace di un amore incondizionato verso la figlia "sa sposa" Chanel o verso un amico, ma anche di cedere, come durante il suo torbido passato, alla tentazione della violenza più turpe.
Ad azione segue reazione, anche per la vecchia guardia.
Anche se sono in pensione in qualità di criminali, il loro modus operandi del pensiero non potrà mai cambiare.
Certamente Marione o Gigi (bonanima, che destro fulminante che aveva) o Rinaldo o Roby e tutti gli altri del bar de "is amigusu" sono figli di un'epoca diversa.
Frutto di una criminalità si feroce, ma anche con desinenze quasi romantiche.
Tempi in cui l'amicizia rappresentava almeno un valore, se non il valore più importante in assoluto.
A volte tradita, ma l'amicizia restava sempre.
Una criminalità, per citare un esempio, in cui un tizio spacca un dente ad un compare con un cazzotto e per farsi perdonare glielo ricompra d'oro, quel dente mancante.
E tornano più amici di prima, tornano (ripetizione del verbo a fine periodo, altra chicca ben riuscita di Scano).
Tempi dove si piange per un compagno scomparso a distanza di 20 anni, perché ucciso dal mostro dell'eroina.
Oppure, tornando al presente, un Marione che regala 50 euro a "sa sposa" Chanel per farle acquistare dei libri...che soldi più buttati di quelli, per lui che non ne ha mai aperto uno di libro, non esistono.
Ci prova anche lui, Marione, a cambiare.
Restando sempre nel CEP e cambiando.
Non cambiando il CEP, cambiando egli stesso.
Aprendo una palestra e facendo le cose per bene. Cercando, tramite la nobile arte del pugilato, di salvaguardare "sa sposa" e di insegnare lo spirito di sacrificio, la disciplina a queste nuove generazioni, in preda ad uno smarrimento senza speranza.
Ma anche per "su becchinu" sarà dura.
Molto dura.
Chiudere i conti con un passato,che non passa.
Una mentalità che si attenua, ma non scompare mai del tutto.

Il mio giudizio finale su "Via libera" è che trattasi di un libro molto bello, intenso e scritto in modo originale.
Un noir palpitante, attuale con venature antiche, dotato di una forza evocativa notevole e con un crescendo finale da crampi allo stomaco.
State pronti...
Scano ha le stigmate del talento, su questo non ci sono dubbi.
Il libro non è perfetto, ma perfettibile.
Alcuni episodi avrebbero potuto essere descritti, parere personale, in modo più approfondito.
Il risultato finale è comunque più che degno delle enormi potenzialità dell'autore, in attesa di una crescita professionale a mio parere inevitabile.

Voto: Otto e m...
Un secondo, che mi stanno videocitofonando.
Un omone enorme appare in video.
Marione...

"Solo otto e mezzo?
Ma candu mai..."
"E vabbè Mariò, nun te arrabbià.
Lo alzo il voto, sta bono"
"Eja"

Eccomi.
Ehmm... Stavo dicendo?
Ah già, il voto finale.
10, decisamente.
10 e pure di più.
Eja.
Immagini presenti nella recensione
Immagine cliente
Immagine cliente
5 persone l'hanno trovato utile
Segnala un abuso
Recensito in Italia 🇮🇹 il 29 gennaio 2023
Recensito in Italia 🇮🇹 il 5 agosto 2022
Recensito in Italia 🇮🇹 il 31 agosto 2022
Recensito in Italia 🇮🇹 il 23 settembre 2021
Recensito in Italia 🇮🇹 il 10 maggio 2021
Una persona l'ha trovato utile
Segnala un abuso
Recensito in Italia 🇮🇹 il 13 ottobre 2021
2 persone l'hanno trovato utile
Segnala un abuso